Questo sito utilizza unicamente i cookies di Google Analytics per le statistiche anonime degli accessi. Se si desidera disattivarli cliccare QUI

Gita all’Alpe Rompiago

Domenica 18 agosto 2019 si è svolta la tradizionale gita estiva ATIAF su un alpeggio ticinese, più precisamente all’agriturismo Alpe Rompiago in Capriasca situato a circa 1300 m, sopra il paese di Bidogno in territorio del Comune di Capriasca. Di proprietà del Patriziato di Cagiallo, l’agriturismo, gestito dai signori Maurizio Minoletti e Sylvia Wyss, è ubicato in una zona di pascoli dai quali si ha un’affascinante vista che spazia dalla Val Colla fino oltre il San Salvatore. È inoltre un ottimo punto di partenza per altre gite, a piedi o in rampichino, al Monte Bar, Motto della Croce, ecc. A dipendenza del tempo, l’agriturismo è aperto da Pasqua a fine ottobre dopodiché i gestori tornano a Linescio ed in Val Bavona dove hanno un’altra attività. Nel 2004 è avvenuta la ristrutturazione totale dell’alpe nella quale è stata integrata anche un’infrastruttura agrituristica con 10 posti letto. Altro punto forte della struttura è sicuramente la cucina nostrana. L’allevamento di mucche, maiali, capre, cavalli, asini e galline permette la produzione di formaggi nell’adiacente caseificio, mentre le carni vengono portate e lavorate al macello di Avegno per poi tornare a deliziare gli ospiti dell’agriturismo.

All’aperitivo con vino, acqua e stuzzichini a base di formaggio, ha fatto seguito un ricco buffet di formaggi di produzione nostrana con insalata mista, un ottimo brasato di asino con polenta taragna, torta della casa e per finire caffè con a scelta amaro o nocino. Il tutto condito con un buon bicchiere di vino e dalla convivialità che da sempre contraddistingue gli incontri tra i soci ATIAF.

Dopo il pranzo Sylvia (Wyss), casara e cuoca presso la struttura, ha guidato i 16 partecipanti alla visita del piccolo ma strutturato caseificio. Il formaggio d’alpe Rompiago e le formaggelle sono sia a base di latte di capra che di mucca che misti. Gli altri prodotti come formaggini, ricotta, büscion variano molto a seconda della richiesta. Quest’anno per esempio la richiesta di capra era più alta rispetto a quella di mucca (non vengono effettuate produzioni miste). Il burro per contro viene prodotto solo per l’uso proprio. Tutti questi prodotti si possono trovare in diversi punti del Ticino; il martedì ed il sabato alla bancarella di Tesserete, al negozio ProvaMM di Morbio Superiore, al Pane Lento a Lugano, nel Gambarogno, in Valle Maggia oltre che in loco naturalmente!

(resoconto redatto da Raffaella Arrigoni)

Guarda le foto

Visita ATIAF al Caseificio Valposchiavo – 20.06.2019

Poco più di una ventina tra soci ATIAF e simpatizzanti hanno trascorso la giornata del Corpus Domini in Valposchiavo in visita all’omonimo caseificio. La Valposchiavo, che si estende dal Passo del Bernina fino alle porte della Valtellina, è territorio a vocazione turistica ma anche di allevatori di bestiame, produttori di latte e derivati, oltre che coltivatori di erbe aromatiche. Il 10% delle persone attive lavora infatti nel settore primario, dove la lavorazione del latte ha una lunga tradizione. La costruzione del Caseificio Valposchiavo nella frazione di San Carlo avvenuta nel 2012 rappresenta una valida ed innovativa scelta imprenditoriale indispensabile per mantenere competitività nel settore e rispondere ai nuovi bisogni del mondo contadino per rimanere al passo con i tempi. Esso diventa cooperativa dopo la fusione, avvenuta nel 2007, fra il Caseificio Sociale San Carlo, fondato nel 1930, con la Latteria Sociale Poschiavo e Dintorni, in quanto nasce la necessità di creare un unico punto di raccolta, lavorazione e vendita di prodotti regionali con il marchio Valposchiavo. Il Caseificio Valposchiavo è stato uno dei primi caseifici in Svizzera a produrre formaggio totalmente biologico contraddistinto dalla gemma BioSuisse. Il foraggio destinato alle bovine produttrici di latte essicca all’aperto ed è immagazzinato, come un tempo, nei fienili ben areati. È vietato l’uso di foraggi insilati. Ciò garantisce la produzione di un prodotto totalmente biologico. Dato il mercato sempre più esigente in materia di salute ed alimentazione consapevole, la filosofia è quella di portare sulle tavole freschezza, gusto e tradizione.

Guarda le foto

Continua a leggere

Gli incontri del 2019

Cari Soci,
Vi chiediamo gentilmente di prendere nota dei seguenti prossimi eventi che caratterizzeranno la
nostra vita associativa nel corso di questo 2019.

  • 9 giugno 2019: assemblea ONAF a Grinzane Cavour (30mo anniversario ONAF): dato che l’informazione è giunta ai soci ONAF troppo a corto termine (e l’evento è stato anticipato di una settimana rispetto alla data prevista inizialmente), il comitato rinuncia ad organizzare la trasferta collettiva di una delegazione ufficiale ATIAF per quest’anno. Si riproporrà la trasferta l’anno prossimo 2020.
  • 20 giugno 2019 (giovedì Corpus Domini): visita Caseificio Valposchiavo (www.caseificio.ch).
    Dettagli organizzativi seguiranno a breve.
  • 18 agosto 2019 (domenica): Visita alpeggio ticinese presso l’agriturismo Alpe Rompiago in Capriasca.
  • 20 settembre 2019 (venerdì): trasferta in bus sul lago di Thun a Sigriswil/Justital con passeggiata
    gastronomica (1.5-2h) e discesa dall’alpe con mucche e spartizione formaggio. Gita organizzata solo con un minimo di 15 partecipanti.
  • in data da stabilire: Visita allevamento bufale e caseificio Quattro Portoni di Cologno al Serio
  • 29 novembre 2019 (venerdì): serata abbinamento vini rossi (vini di piccoli produttori ticinesi soci ATIAF) e formaggi presso la Scuola Alberghiera e del Turismo a Bellinzona.

Speriamo vivamente di destare il vostro interesse e di rivedervi presto ad uno dei prossimi eventi
ATIAF!

Assemblea ATIAF 2019 presso l’Azienda Fam. Croce a Campo-Blenio

Quest’anno l’assemblea ordinaria ATIAF 2019 ha avuto luogo in una bella ma fredda domenica di febbraio presso la stalla dell’Azienda Famiglia Croce a Campo Blenio. Una sede scelta con il proposito di portare i soci ATIAF all’origine del prodotto ‘finito’ formaggio e per offrire simbolicamente un tributo particolare a chi il latte lo produce concretamente. I presenti a loro agio circondati dagli animali, durante l’assemblea hanno avuto modo di avere un contatto diretto (compresi gli inconfondibili profumi ed odori) con le produttrici della materia prima da cui viene ricavato il formaggio. L’azienda è gestita da Nello Croce, agricoltore innovativo e personaggio di spicco della valle, già membro del Gran Consiglio Ticinese e Presidente della Federazione Ticinese Produttori di Latte, con tutta la sua famiglia: moglie e i suoi 3 figli Moreno e sua moglie, Nicola ed Elisa (due dei quali, Elisa e Moreno, hanno seguito il corso assaggiatori di formaggi ATIAF nelle scorse edizioni ottenendo l’attestato di assaggiatore di formaggi ONAF/ATIAF).

Al termine dell’assemblea i presenti hanno poi assistito alla presentazione dell’azienda agricola. La stalla, dotata di mungitrice automatizzata, è stata costruita nel 2014 ed ospita ca. 140 capi di bestiame tra vacche, manze e vitelli di razza bruna svizzera, pezzata rossa e bianco-nera, oltre ad altri animali quali maiali e galline. Il foraggio è in prevalenza a base di fieno locale integrato a malto di birra e semi di lino, ma non vengono utilizzati insilati. L’azienda si concentra prevalentemente sulla produzione di latte che viene poi venduto al Caseificio del Gottardo ad Airolo (per la produzione del formaggio denominato ‘Blenio’) ed alla LATI a St. Antonino per la sua trasformazione. È pure dotata di un piccolo caseificio per la produzione di prodotti freschi che vengono venduti direttamente nello spaccio integrato nella stalla ed in altri punti vendita in Valle di Blenio. D’estate la maggioranza del bestiame viene estivato suddiviso tra gli alpi Predasca, Motterascio-Greina e Piora.

Ha poi fatto seguito un ricco aperitivo, a base di prodotti dell’azienda del Sopra-Sosto quali i loro salumi, la ‘crenga’ ed i formaggi DOP degli alpi Predasca e Motterascio-Greina oltre ad altri manicaretti fatti in casa, seguiti dal pranzo a base di patate e luganighe a km zero, il tutto accompagnato dai vini della Cantina Sociale di Giubiasco in una cornice di simpatici e curiosi animali!

 

A nome di ATIAF, tengo a ringraziare tutta la Famiglia Croce per la grande accoglienza ed ospitalità.

Lara Ambrosetti, presidente ATIAF

 

Guarda le foto

Gita alla scoperta della Fontina DOP ed alla Fiera di St. Orso di Aosta – 29-30.01.2019

La riuscitissima gita di 2 giorni in Valle d’Aosta, il 29 ed il 30 gennaio 2019, ha visto la partecipazione di 32 tra soci e simpatizzanti ATIAF.

Il programma prevedeva dapprima la visita al salumificio Maison Bertolin (www.bertolin.com), percorrendo il corridoio lungo il perimetro dello stabilimento per poter osservare le fasi di lavorazione, attraverso ampie vetrate che si affacciano direttamente sui locali di produzione e stagionatura.

Nata nel 1957 come macelleria ad Arnad, la Maison bertolin è oggi trasformata in una moderna azienda che propone ricette originali e tradizionali tramandate da generazioni, ed è divenuta ormai un importante punto di riferimento per la gastronomia valdostana. Lo stabilimento impiega una trentina di persone su 2.500 metri quadrati. La famiglia Bertolin segue personalmente tutta la filiera di produzione, dalla macellazione degli animali fino alla consegna ai punti vendita o ai grossisti in tutt’Italia ma anche all’estero.

guarda le foto

Continua a leggere